Psicoterapia

Questo termine ha origini antiche, ed è formato da due etimologie: “psico” ( dal greco ψυχο-ossia “anima”) e da “terapia” (dal greco ϑεραπεία ovvero “cura”), pertanto, significa “cura dell’anima”. Con il termine Psicoterapia, si intende una pratica terapeutica che consiste nel trattamento dei disturbi e problemi psicologici, in psicologia clinica e psichiatria, ad opera di uno psicoterapeuta (psicologo o medico, adeguatamente specializzati), di natura ed entità diversa. La cornice teorica di riferimento può essere differente in base al tipo di approccio di specializzazione scelto dal terapeuta. Storicamente, alcune scuole di psicoterapia si sono focalizzate maggiormente su particolari sintomatologie o determinate aree di intervento, ma ad oggi alcuni approcci coprono tutte le aree di intervento, come in particolare il cognitivo comportamentale, utilizzando protocolli ad hoc. Può essere rivolta sia sul singolo individuo che alla famiglia, alla coppia o ad un gruppo di persone. Avviene nel pieno rispetto della riservatezza e del segreto professionale, con un importante riguardo alla relazione che si instaura con il paziente. Può definirsi “un processo di cambiamento”, che permette al soggetto di trovare una propria stabilità nel mondo, in base alle proprie caratteristiche. Sono diversi i motivi per cui si può andare in Psicoterapia, per esempio per far fronte ad una situazione di emergenza, ad un momento di crisi e di difficoltà transitoria o un evento traumatico e particolarmente stressante. Questo percorso può favorire la crescita personale attraverso la comprensione di sé e dei propri bisogni; obiettivo ultimo sarebbe quello di incrementare la consapevolezza di sè e del proprio funzionamento, in un’ottica di maggiore integrazione e conoscenza personale. Inoltre la terapia aiuta a modificare una condizione psicopatologica in atto ed i sintomi ad essa connessa (per es. attacchi di panico, depressione, etc), spesso debilitanti per l’individuo che ne soffre. Infine, è utile per prevenire possibili ricadute future, mettendo “in sicurezza” la persona, preparandola a possibili scenari e fornendole strategie e strumenti per fronteggiare condizioni avverse che potrebbero ripresentarsi.

In alcune circostanze, accade che il percorso sia breve (di solito della durata di sei mesi circa), in altri casi il percorso può essere più lungo (per es. uno/due anni), con “follow up”, ossia incontri di monitoraggio, ogni tre o sei mesi; questo dipende dalle condizioni e dalle peculiarità del caso presentato dal cliente, che verranno discusse e valutate dal clinico con il paziente stesso all’inizio del percorso. La ricerca sull’efficacia della psicoterapia ha avuto un grande sviluppo negli ultimi 60 anni, soprattutto dalle pubblicazioni delle registrazioni di tutte le sedute di una psicoterapia con Carl Rogers, generando un gran fermento nel campo della ricerca in questo settore, che da allora ha continuato a svilupparsi e ad incrementarsi. Smith, Glass e Miller, negli anni ’80, con l’adozione dello strumento metodologico della metanalisi, hanno iniziato a comparare protocolli di ricerca differenti tra loro, e hanno osservato i fattori comuni in psicoterapia che permettevano una maggiore efficacia dell’intervento (come per es. l’alleanza terapeutica tra paziente e terapeuta). I recenti studi derivanti dalle neuroscienze hanno dimostrato l’efficacia della psicoterapia, in particolare quella cognitivo-comportamentale, tramite metodi di neuroimaging. Tramite la PET e la fMRI (tecniche derivanti dalla medicina che permettono lo studio del cervello e del suo metabolismo in vivo), si sono potuti osservare per la prima volta i cambiamenti generati dalla psicoterapia nell’attività funzionale cerebrale, e tali modificazioni sono strettamente correlate al miglioramento clinico del soggetto. Inoltre, ciò che è stato ulteriormente strabiliante è che si è potuto affermare che sia la psicoterapia che la farmacoterapia sono entrambi efficaci nella cura delle diverse patologie psichiatriche, generando entrambe un efficace miglioramento clinico nelle stesse aree cerebrali. Tuttavia, come detto precedentemente, l’efficacia sarà tanto maggiore quanto vi sarà un’alleanza terapeutica tra cliente e terapeuta, in un clima di collaborazione e cooperazione reciproco.

Rispetto all’Italia, possiamo dire che dagli inizi del 1900 fino agli anni ’70, la psicoterapia ha avuto sempre di più un maggior interesse, con l’avvio di diversi istituti e scuole di formazione. Dagli anni ’70 a quelli ’90, si sono ampliate le offerte formative e di specializzazione in Psicoterapia, prima preludio solo della psicoanalisi e dell’approccio psicodinamico. Attraverso diatribe e difficili percorsi burocratici, si arrivò alla Legge 56/1989, che istituì le norme per l’esercizio della psicoterapia attualmente ancora in vigore. Nel nostro Paese, devono essere fatti ancora molti passi in avanti per promuovere e tutelare l’esercizio della Psicoterapia, intesa come pratica sanitaria, per rispondere alle necessità dei cittadini in tema di diritto alla salute, non solo fisica, ma anche psicologica. Si stanno osservando cambiamenti di paradigma e destigmatizzazione rispetto al tema, seppur siano necessari ulteriori sforzi.

Bibliografia

Carere-Comes, T.; Adami Rook, P.; Panseri, L. (2007) Che cosa unisce gli psicoterapeuti (e che cosa li separa), Firenze, Vertici

Santonastaso, P. (a cura di) (1993) Manuale di psicoterapia, Parigi, Elsevier Masson.

J.C.Norcross, M.J.Lambert (2019). Quando la relazione pscicoterapeutica funziona (Vol.3), Ricerche scientifiche a prova di evidenza, Armando Editore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: